News

Video Hotel

Iscriviti alla Newsletter

Nome :
E-mail * :
privacy *
>>Home<<

i cstelli dell'entroterra di Misano Adriatico

Castello Montegridolfo

 

Il più femmineo S. Sebastiano della storia dell'arte

Mentre oltrepassiamo la torre d'ingresso al castello, possiamo dire di sentirci - non sembri esagerato il paragone - come Dante all'entrata in Paradiso: "rifatti sì come piante novelle rinnovellate di novella fronda puri e disposti a salire a le stelle". Infatti il castello dei Malatesta, che racchiude l'intero borgo, si presenta con un perfetto restauro, dove ogni cosa è al posto giusto (e come, forse, non è mai stata). Eppure l'impressione è che non si sia persa del tutto la vita che qui c'era dentro, testimoniata dalle numerose opere d'arte ed evocata da queste forme "nuove" rimodellate sulle antiche.

Il microcosmo di borgo-castello appare così in tutta la sua suggestione poetica: basta passeggiarvi all'interno, soffermarsi sui particolari architettonici o, nelle lunghe sere estive, "salire a le stelle" che punteggiano il cielo, e poi, dalla parte di levante, guardare giù verso il mare di Pesaro.

L'impianto urbanistico è rimasto quello medievale: il terrapieno è circondato da forti mura fiancheggiate da torrioni e dentro le mura vi sono strette stradine su cui si affacciano i principali edifici e le casette, oggi utilizzate per le vacanze ma anche come residenza principale.

Il palazzo del Municipio si trova accanto alla torre portaia, mentre palazzo Viviani, l'antica dimora dei signori del castello, è oggi un attraente albergo-ristorante. La cappellina Viviani è quanto resta della duecentesca chiesa di S. Agostino distrutta nel 1336 da Malatesta Guastafamiglia.

Ai piedi delle mura castellane sorge la piccola chiesa di S. Rocco, costruita nel 1427 e dotata di un bel portale a ogiva di ispirazione gotica. Custodisce una splendida tela di Guido Cagnacci, il maestro riminese della seduzione, uno dei protagonisti del Seicento.

Il quadro appartiene alla sua fase giovanile (1617-23) e raffigura la Madonna col Bambino adorata dai Santi Rocco, Giacinto e Sebastiano, dove quest'ultimo ha così curiose fattezze femminili, per la posa e lo splendore della carne, che sembra uno scherzo o uno sberleffo all'iconografia mistica (siamo in Romagna, in fondo). Interessanti anche gli affreschi, uno di anonimo marchigiano (XV sec.) e l'altro attribuito a Girolamo Marchesi da Cotignola (1520-25).

Verso valle s'incontra la chiesa di S. Pietro, di origine antichissima ma ricostruita dalle fondamenta dopo i danni della seconda guerra mondiale: conserva un bell'affresco di anonimo del XV sec. Infine, in località Trebbio (da trivium, luogo privilegiato per gli incontri sovrannaturali) sorge il santuario della Beata Vergine delle Grazie, innalzato all'indomani dell'apparizione della Madonna nel 1548 e meta di pellegrinaggi dalla Romagna e dalle vicine Marche.

Contiene, tra le altre opere, una tela, cara alla devozione popolare, del pittore rinascimentale fanese Pompeo Morganti, che riassume coi pennelli le deposizioni processuali del giovane e della contadina Antonia che ebbero la visione della Vergine vestita di bianco.

Interessante anche il paesaggio che riproduce quello reale delle colline di Montegridolfo, il cui castello è chiaramente riconoscibile dalle mura e dalle torri.



Inizio Pagina | Home

Offerte

OFFERTA PASQUA 2015

Soggiorno di 3 giorni -9%

Offerta Ponti di Primavera...

week end, 25 Aprile e 1 Maggio...

WEEK END ROMANTICO

Fuga d'amore per due...

BAMBINI GRATIS

Scopri i dettagli..

OFFERTA SOFT ALL INCLUSIVE

PENSIONE COMPLETA + BIBITE + SPIAGGIA...

SETTIMANE SPECIALI...

Sconto -5% sul prezzo di listino

OFFERTA MOTO GP 2015

MOTO GP Misano circuit 2015
Segui @HotelVanni1